Autore Topic: Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti  (Letto 7716 volte)

Offline jlpaco1

  • Scriba
  • **
  • Post: 209

Newton Compton a cura della famigerata GAG srl.
Unica scusante: costa 0,49 euro.
Una sola annotazione, che vale a capire l'attenzione con cui è stato realizzato tutto il libro: nel romanzo viene commesso un delitto in una località che, come dice il titolo. si chiama "Pini fruscianti".
In TUTTO il romanzo c'è un errore di scansione non corretto, per cui la sopra citata località (che, ovviamente, viene nominata in continuazione) diviene "Pini frusciami". Questo errore ricorre centinaia di volte.
Per il resto: "intorno" diviene "intomo", "tornai" diviene "tomai", "lo" diviene "Io" con la i maiuscola in mezzo alla frase (anche questo per centinaia di volte), e così via...

Ma non si vergognano di lasciare in vendita, sia pure a un prezzo ridicolo, un pasticcio simile???

Offline Pongo

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 4.003
  • Sesso: Maschio
  • Kobo Aura HD
Re: Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #1 il: 03/11/13 16:32 »
Sì sono i tipici errori da scansione ed OCR.  >:(
Pensare che per correggerli ci vorranno dieci minuti.  ::)
«I libri si offendono quando vengono dati in prestito, per questo spesso non ritornano.»
Oskar Kokoschka

Offline Luke

  • eBook Club Italian co-founder
  • Super Moderator
  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 5.505
  • Sesso: Maschio
  • …tanto più che danni non posso fare…
    • eBook Club Italia
Re: Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #2 il: 03/11/13 18:04 »
Scrivi a GAG e digli di tutto :)
http://www.gag.it

Luke

Offline Somis

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 876
  • Sesso: Maschio
    • Sito personale di Somis
Re: Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #3 il: 03/11/13 18:06 »
Unica scusante: costa 0,49 euro.
Ma non si vergognano di lasciare in vendita, sia pure a un prezzo ridicolo, un pasticcio simile???

Il basso prezzo di vendita non mi pare una buona motivazione per mettere in commercio eBook che presentano gli errori che hai indicato. Il cliente si aspetta, giustamente, che gli eBook che acquista siano di buona qualità, e poi decide di comprarli valutando, tra le altre cose, anche il prezzo di vendita. Io un eBook con quegli errori non lo vorrei nemmeno gratis, perchè con quegli errori abbandonerei subito la lettura.
Simone

Offline Raspy

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 1.843
Re: Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #4 il: 03/11/13 18:12 »
Tra l'altro edizione luglio 2013 la gag continua a fare schifezze.

Quando si tratta di NC io guardo sempre chi è il digitalizzatore e quando leggo Gag non compro a prescindere.

Offline DaG

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 796
  • Sesso: Maschio
    • I Dragomanni
    • E-mail
Re: Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #5 il: 05/11/13 22:05 »
Unica scusante: costa 0,49 euro.
Ma non si vergognano di lasciare in vendita, sia pure a un prezzo ridicolo, un pasticcio simile???

Il basso prezzo di vendita non mi pare una buona motivazione per mettere in commercio eBook che presentano gli errori che hai indicato. Il cliente si aspetta, giustamente, che gli eBook che acquista siano di buona qualità, e poi decide di comprarli valutando, tra le altre cose, anche il prezzo di vendita. Io un eBook con quegli errori non lo vorrei nemmeno gratis, perchè con quegli errori abbandonerei subito la lettura.

Esatto: fosse anche gratis, o lo metti in circolazione al meglio delle tue capacità o, se non sei disposto a perderci il tempo necessario, tienitelo tu. Se poi è a pagamento, a maggior ragione.

Offline Jane Eyre

  • Scriba
  • **
  • Post: 106
  • Sesso: Femmina
Re:Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #6 il: 31/03/15 16:34 »
Ho perso le speranze con questi signori..
fossi un pincopallino che vuole un sito da zero, MAI E POI MAI mi rivolgerei a quest'ignobile web agency
Ho consultato i prezzi direttamente dal loro sito... si fanno pagare 50 euro a pagina per creazioni da cartaceo...fate vobis.

Inviato dal mio M-MP1040S2 con Tapatalk

Volere è potere

ronnydaca

  • Visitatore
Re:Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #7 il: 31/03/15 17:29 »
Ho perso le speranze con questi signori..
fossi un pincopallino che vuole un sito da zero, MAI E POI MAI mi rivolgerei a quest'ignobile web agency
Ho consultato i prezzi direttamente dal loro sito... si fanno pagare 50 euro a pagina per creazioni da cartaceo...fate vobis.


0,50 euro a pagina.
Non 50 euro. Si fanno pagare 50 centesimi a pagina da cartaceo. 40 centesimi da pdf e 35 centesimi da  file digitale tipo word etc.

E dal sito Gag per gli ebook ci si sposta su ebook facile.
Dubito siano gli stessi che fanno siti web, che a me sembrano ben fatti e in linea con il mercato professionale, a differenza degli ebook che fanno pena.

Giusto per la precisione. ;)
« Ultima modifica: 31/03/15 17:32 da ronnydaca »

Offline Jane Eyre

  • Scriba
  • **
  • Post: 106
  • Sesso: Femmina
Re:Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #8 il: 31/03/15 19:13 »
ah sì, hai ragione
che dire.. mi sembra troppo poco per un lavoro mentalmente usurante che richiede la massima cura. A questo punto una cosa non mi torna: di sfruttamento dei lavoratori sentiamo discutere ogni giorno, ma di auto-svilimento professionale, non direi.. la concorrenza è così famelica? Una retribuzione umiliante è spesso causa di atteggiamento svogliato da parte del lavoratore mal pagato, e questo potrebbe spiegare come mai il soggetto ha sfornato negli anni un numero tanto spropositato di ebook così malfatti...
addirittura, da una comunità di cui non posso fare il nome, ho appreso come il tomo di Dumas "Il visconte di Bragelonne" sia stato pubblicato dall'incauta Newton con un numero di refusi che superano il migliaio.... e di solito è la Gag srl a sfornarli..

a questo punto, non sarebbe meglio che alzassero le tariffe?? Per sti book indecenti dovrebbero inginocchiarsi a chiedere pubblicamente scusa a tutti quelli che li hanno comprati senza sapere che facevano tanto pena!

Inviato dal mio M-MP1040S2 con Tapatalk

Volere è potere

ronnydaca

  • Visitatore
Re:Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #9 il: 31/03/15 19:42 »
Purtroppo ho anche io quella edizione di Il visconte di Bragelonne. Fortunatamente essendo "protetta" solo con watermark chi è capace se la può sistemare.
E hai ragione sì. Sottopagato. Ma dubito siano gli stessi che fanno i siti internet.
E sono convinto anche che molti di noi qui, pagati alla stessa maniera, da non professionisti,  avrebbero sfornato prodotti migliori.

Purtroppo penso sia anche una questione di tempo. Non giustificabile ma che secondo me spiega a volte un lavoro mediocre.
Conosco un giornalista di un quotidiano regionale che fa recensioni di libri/film. etc.
Di norma, per fare una recensione ti devono mandare il libro/film e devi avere il tempo di leggerlo.
Invece gli viene chiesto, nel caso dei libri, che effettivamente gli vengono forniti gratis, di leggerli in 48 ore a prescindere dalle pagine e poi recensire. E nel caso dei film spesso non gli viene nemmeno data una copia promozionale da vedere e deve ricorrere ai torrent cam (il peggio del peggio).
Succede quindi che i libri spesso li legge saltando molte pagine. E infatti poi non sono vere recensioni ma trame allargate, con fatti e citazioni sull'autore. Perché non può leggere un libro di 500 pagine se sta in redazione a lavorare tutto il giorno.

È diverso ma chi lo sa. Di sicuro non viene assunto qualcuno per leggere il libro per evitare refusi prima di mandarlo alle stampe.

Offline Jane Eyre

  • Scriba
  • **
  • Post: 106
  • Sesso: Femmina
Re:Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #10 il: 31/03/15 19:51 »
Io non sono un tecnico di stampa, ma l'unico modo per trasformare un testo da cartaceo a digitale è solo la scansione OCR?
Ma poi, è mai possibile che i professionisti non abbiano a disposizione degli strumenti più validi del programmino gratuito??

Inviato dal mio M-MP1040S2 con Tapatalk

Volere è potere

ronnydaca

  • Visitatore
Re:Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #11 il: 02/04/15 11:06 »
Io non sono un tecnico di stampa, ma l'unico modo per trasformare un testo da cartaceo a digitale è solo la scansione OCR?
No, esiste un altro strumento ma è lento. La trascrizione  ;D

Citazione
Ma poi, è mai possibile che i professionisti non abbiano a disposizione degli strumenti più validi del programmino gratuito??
Certo, lo stesso software usato dagli amatori. O alternative allo stesso.
Ma anche con quei software professionali (che puoi usare anche tu in versione di prova o in regalo con alcuni scanner) gli errori saranno presenti. Meno, ma presenti. Bisogna "tarare" bene il software sul libro che stai digitalizzando, ma continueranno ad esserci errori specie su cose tipo "rn" che diventano "m" o "dell" che diventano "deU".
L'intervento umano è sempre richiesto, in seconda battuta, per rifinire il testo.
Poi bisognerebbe leggerlo, e mentre lo si legge, magari in ebook, sottolineare tutti gli errori e in seguito correggerli.

Ma se anche nella filiera classica ormai non esistono più i correttori di bozze, dubito avremo la fortuna che questo andazzo cambi.
Certo sono poco furbi. In molti casi converrebbe loro attingere al mercato "nero", dargli uno sguardo e poi mettere in vendita. Otterrebbero risultati migliori il più delle volte.

Offline Jane Eyre

  • Scriba
  • **
  • Post: 106
  • Sesso: Femmina
Re:Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #12 il: 02/04/15 14:02 »
Spero che oggigiorno i romanzieri scrivano in digitale, o ancora su carta?

Inviato dal mio M-MP1040S2 con Tapatalk

Volere è potere

ronnydaca

  • Visitatore
Re:Green Anna K. - La casa dei pini fruscianti
« Risposta #13 il: 02/04/15 16:45 »
Spero che oggigiorno i romanzieri scrivano in digitale, o ancora su carta?

Inviato dal mio M-MP1040S2 con Tapatalk
Oggi scrivono in digitale, tranne alcuni fanatici. Ma gli errori di ocr li trovi solo in libri dove non esiste sorgente digitale.
Che poi in realtà li trovi anche in quelli, in minor numero, perché è scomparsa la figura del correttore di bozze.
Ormai la qualità è diventata merce rara, non solo nell'editoria  :'(