Autore Topic: Glossario per i futuri acquirenti  (Letto 68672 volte)

Offline konigi

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 3.000
  • Sesso: Maschio
Glossario per i futuri acquirenti
« il: 26/03/10 14:12 »
Reduce da una spiegazione che credevo essere esaustiva e che invece ha confuso maggiormente l'utente a cui l'avevo data, mi rendo conto che la maggior parte delle volte i più esperti, pur semplificando per i neofiti, usano tecnicismi astrusi (ma fondamentali!).

E' buona netiquette che si usi sempre lo strumento di ricerca interno del forum, ma è anche vero che rispondere con un RTFM a volte lascia il tempo che trova.

Pensavo di coinvolgere gli anziani del forum (con i loro bagagli di conoscenze profonde e specifiche) per la compilazione di un glossario non in ordine alfabetico: quando siete ispirati e le vostre conoscenze vi danno ragione, aggiungete un post a questo thread dandogli il titolo della voce che intendete esplicare dettagliatamente.

Ognuno attingerà al suo personale bagaglio tecnico che va dalla conoscenza dei font, alla tecnologia e-ink, alle tecniche di archiviazione, ai dettagli informatici o alla conoscenza dell'editoria.

Immagino che questo glossario possa facilitare la ricerca con il motore interno e ci darà la possibilità, durante una risposta o una spiegazione, di aggiungere dei link a mo' di wiki.

accelerometro
custodia
dimensione schermi
diritto d'autore
DPI
DRM
e book
ebook club
firmware
ex libris
formati cartacei ISO A
formati cartacei (libri)
formati cartacei (giornali)
formati supportati (ePub, pdf, mobipocket, txt)
ghosting (effetto)
landscape
lit
mobi/prc
OCR
pdf
pirateria
portrait
prc/mobi
pulsanti
reflow
refurbished
retroilluminazione
schede di memoria
segnalibro
social drm
touch screen
USB
validazione epub
watermark
« Ultima modifica: 27/04/11 12:52 da Luke »

Offline konigi

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 3.000
  • Sesso: Maschio
Retroilluminazione (glossario)
« Risposta #1 il: 26/03/10 14:13 »
Retroilluminazione. Gli schermi con tecnologia e-ink (Ipad NON E' uno di questi) non hanno una fonte di illuminazione intrinseca al dispositivo, ma come un qualsiasi libro, usufruiscono della luminosità ambientale: in una stanza buia sarà impossibile leggere da un ebook reader. Ragion per cui non vi è possibilità di aumentare la luminosità dello schermo o di aumentare il contrasto. D'altro canto, questa caratteristica rende la lettura di un ebook su un dispositivo e-ink immensamente meno stancante per la vista che non farlo su uno schermo lcd.

(Aggiornato al 26/03/2010)

Offline konigi

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 3.000
  • Sesso: Maschio
Effetto ghosting (glossario)
« Risposta #2 il: 28/03/10 18:31 »
Ghosting (effetto). Nella tecnologia e-ink, per potere "voltare la pagina" del testo che stiamo leggendo, è richiesto un refresh (aggiornamento) delle capsule di inchiostro elettronico che si traduce una sorta di flash dello schermo. Ogni software gestisce questo passaggio a modo suo (addirittura alcuni hanno la possibilità di disabilitare il refresh completo per risparmiare batteria) ma in genere permane una leggera ombra dei caratteri della pagina precedente, da cui appunto la definizione di effetto ghosting (effetto fantasma). Il fenomeno è percepibile maggiormente da chi si accosta a questa tecnologia per la prima volta, mentre il lettore inveterato non vi fa più caso, a meno di non avere un ebook in cui si alternano testo e immagini oppure sono presenti numerosi spazi vuoti. Comunque migliore è il software, minore è l'effetto ghosting.

Aggiornato al 28/03/2010

Offline konigi

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 3.000
  • Sesso: Maschio
Reflow (glossario)
« Risposta #3 il: 29/03/10 09:08 »
Reflow. Il reflow (la cui traduzione più appropriata è reincanalare) è il processo per cui il software dell'ebook reader rimodella secondo i nostri input il testo che stiamo leggendo, modificando le dimensioni del font o il font stesso.
Il formato più adatto per il reflow è sicuramente l'html, seguito dall'epub e dal mobi, mentre non sono reflowable doc e pdf (un reflow grezzo di quest'ultimo è supportato da alcuni device della famiglia Sony).
E' importante non confondere il reflow con lo zoom: con il primo, ingrandendo o diminuendo le dimensioni del font, cambieremo anche il numero totale delle pagine dell'ebook che stiamo leggendo, mentre con il secondo andremo solo ad ingrandire una porzione della pagina.
La possibilità di interagire con il tipo di font dell'ebook reflowable dipenderà sia dalla presenza del file .ttf all'interno del reader sia dalla struttura dell'ebook stesso.

Aggiornato al 29/03/2010
« Ultima modifica: 30/03/10 10:54 da konigi »

Offline konigi

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 3.000
  • Sesso: Maschio
Touch screen (glossario)
« Risposta #4 il: 29/03/10 10:26 »
Touch screen. Per alcuni ebook reader c'è possibilità di interazione con il testo o il menù grazie ad uno schermo di tipo resistivo: premendo lo schermo con le dita od uno stilo si crea un contatto tra due strati conduttori di materiale (normalmente separati da uno spazio che in condizioni di riposo fa da resistenza); così facendo vengono tracciate le coordinate spaziali ed impartito il comando di selezione o anche di scrittura.

Alcuni reader (Iliad, DR1000 ed il recente Bebook Neo) usano tecnologia Wacom Penabled che non permette l'interazione con dita od altri oggetti, ma solo con uno stilo particolare che include al suo interno un sensore d posizione che va ad interagire con lo schermo: l'utilizzo di questi digitalizzatori attivi permette una maggiore precisione soprattutto per la scrittura ed un suo eventuale riconoscimento automatico da parte di un software OCR.

Un terzo tipo di touchscreen è il cosiddetto capacitivo. Non è sensibile alla pressione di oggetti o di uno stilo, ma solo al tocco di un dito. Per questo motivo è estremamente pratico da utilizzare e permette il multitouch, ovvero la rilevazione contemporanea di più punti di contatto. Non è invece altrettanto agevole per prendere note a mano libera.
Viene utilizzato su iPhone/iPod Touch e sul prossimo Cybook Orizon.

Aggiornato al 29/03/2010
Aggiornato al 30/03/2010 by Luke
« Ultima modifica: 30/03/10 20:24 da Luke »

Offline joepsichip

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 2.776
  • Sesso: Maschio
  • Bookeen Cybook Opus [White] • iRex DR800SG
    • E-mail
Validazione ePub (glossario)
« Risposta #5 il: 30/03/10 08:48 »
Validazione ePub. Ogni documento in formato ePub dovrebbe essere validato, cioè occorre che rispetti tutte le necessarie regole dello standard fissato per l'ePub dall'IDPF (International Digital Publishing Forum).
Esiste questo sito che mette a disposizione di chiunque una piattaforma per il controllo di ogni vostro file. L'applicazione online restituisce una di queste due immagini come risultato:



La validazione riduce al minimo la possibilità di incompatibilità tra il documento e i dispositivi/applicazioni per la lettura.
« Ultima modifica: 30/03/10 10:41 da joepsichip »
“Un vincitore è un sognatore che non hai mai smesso di sognare”. Vittorio Arrigoni, un vincitore.

Amico di Juda

Palestina 194° stato.

Offline Luke

  • eBook Club Italian co-founder
  • Super Moderator
  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 5.504
  • Sesso: Maschio
  • …tanto più che danni non posso fare…
    • eBook Club Italia
Formati supportati 1 (glossario)
« Risposta #6 il: 30/03/10 09:14 »
Nel campo dei lettori e-ink districarsi nella giungla dei formati non è semplice, e ancor meno è stabilire qual è il migliore. Un formato supportato egregiamente su uno specifico lettore potrebbe dare risultati mediocri su di un altro. In questo primo post ci limitiamo ad elencare le caratteristiche principali dei formati. In uno successivo elencheremo i lettori con i formati che supportano.

ePub
È attualmente il formato supportato dalla maggioranza dei lettori. L'ePub è il formato introdotto di recente dal consorzio IDPF al quale aderiscono le più importanti aziende che lavorano nel campo dell'editoria e dell'informatica.
  • reflowable (scalabile)
  • supporta immagini anche ridimensionabili e posizionabili nel testo
  • supporta il DRM (Adobe il più diffuso, ma anche altri)
  • consente di incorporare fonts
  • consente di mischiare più font all'interno dello stesso testo
  • software di lettura disponibile per tutte le piattaforme (DRM solo per eReaders, Win, OSX)
  • a seconda del software di lettura, è possibile selezionare un font a piacere in sostituzione dei predefiniti
  • supporta rientri di testo, stili e formattazioni a piacere
  • supporta i link all'interno del testo (con alcuni software di lettura anche all'esterno)
  • supporta gli indici
  • supporta i metadati (dati su titolo, autore, editore etc)
  • dimensioni del file estremamente contenute
  • formato aperto, basato su XHTML
  • leggibile su qualsiasi dimensione di schermo, dai cellulari ai grandi display
  • difficile gestione delle tabelle a causa della scalabilità
  • facilmente convertibile in altri formati, se non protetto da DRM, con Calibre

PDF
Il PDF è un formato estremamente diffuso nel mondo dell'editoria e dell'informatica. Nasce nel 1993 per consentire il trasporto di documenti in modo che possano essere stampati inalterati. Essendo in sostanza un documento pensato per la stampa, è legato al formato della carta, che nella maggior parte dei casi è un A4, troppo grosso per dei lettori da 5" o 6", i più diffusi. Supportato da quasi tutti i lettori e-ink
  • formato generalmente non reflowable (alcune versioni recenti, se prive di immagini, possono essere scalate)
  • consente di miscelare nella stessa pagina qualsiasi tipo di font, immagine, grafico, tabella
  • supporta rientri di testo, stili e formattazioni a piacere
  • non ha praticamente limiti sul contenuto della pagina da visualizzare
  • supporta il DRM (Adobe)
  • supporta i link all'interno del testo (con alcuni software di lettura anche all'esterno)
  • supporta gli indici
  • supporta alcuni metadati
  • software di lettura disponibile per tutte le piattaforme (DRM solo Win, OSX, eReaders)
  • estremamente facile da generare a partire da altri documenti
  • per un buon risultato sui lettori e-ink, deve essere creato per una data dimensione dello schermo
  • difficile, se non impossibile, da convertire in altri formati csenza un pesante intervento manuale
  • dimensioni del file spesso elevate anche per documenti semplici
  • se generato con particolari caratteristiche, potrebbe non essere letto da alcuni readers
  • Formato aperto, Standard ISO

Mobipocket
Fino a poco tempo fa, il Mobipocket, o Mobi, era il formato di ebook più diffuso. Acquistato recentemente da Amazon, non ha più avuto sviluppi nella sua forma originale. Viene supportato in molti lettori della prima generazione, nelle generazioni attuali non viene supportato o supportato solo senza DRM per incompatibilità con ePub.
  • formato reflowable
  • standard proprietario, supporta DRM proprietatrio
  • supporta immagini di dimensioni modeste, solo lungo il testo
  • supporta i link all'interno del testo
  • supporta gli indici
  • supporta alcuni metadati
  • non supporta fonts diversi nello stesso file, è possibile selezionare un font dal software di lettura
  • il reader non esiste per alcune piattaforme (MacOS, Symbian, Linux e altre)
  • facile da generare con l'apposito software (solo Windows) o con utility freeware (Calibre)
  • facile da convertire in altri formati
  • le condizioni di licenza di Mobipocket esigono che sullo stesso lettore non siano presenti altri software che supportano DRM (ad es. o Mobi o ePub, per aggirare la limitazione alcuni fabbricanti inseriscono un software di lettura compatibile Mobi che non supporta il DRM)
  • dimensioni del file estremamente contenute

TXT
Il più antico formato di file di puro testo, supportato da tutti i lettori.
  • formato reflowable
  • non supporta fonts, immagini, formattazioni, stili o altro. Solo puro testo
  • non supporta indici o metadati
  • non supporta link
  • non proteggibile con DRM
  • alcuni reader consentono di modificare il font di lettura

… segue
« Ultima modifica: 30/03/10 14:03 da Luke »

Offline Vanlilith

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 1.567
  • Sesso: Femmina
  • Amica di Juda
    • Geolocalizzazione
Diritto d'autore (glossario)
« Risposta #7 il: 30/03/10 12:03 »
Diritto d'autore
La legge speciale 22 aprile 1941, n. 633 istituisce  la tutela delle opere dell’ingegno di carattere creativo, che appartengano alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, al teatro, al cinema. La tutela consiste in una serie di diritti esclusivi di utilizzazione economica dell'opera (diritti patrimoniali dell'autore) e di diritti morali a tutela della personalità dell'autore, che nel loro complesso costituiscono il "diritto d'autore".
Il titolare dei diritti d’autore è, in via originaria, l’autore in quanto creatore dell’opera (oppure, nel caso di opere in collaborazione, i coautori). I diritti di utilizzazione economica durano per tutta la vita dell’autore e fino a 70 anni dopo la sua morte. Trascorso tale periodo l’opera cade in pubblico dominio. Nel caso di opere in collaborazione il termine si calcola con riferimento al coautore che muore per ultimo.
L’opera caduta in pubblico dominio è liberamente utilizzabile senza autorizzazione e senza dover corrispondere compensi per diritto d’autore. Ciò purché si tratti dell’opera originale e non di una sua elaborazione protetta.

X chi volesse approfondire l'argomento:
http://www.dirittodautore.it/
« Ultima modifica: 30/03/10 12:31 da Vanlilith »
- Che lavoro schifoso!
- Potrebbe esser peggio.
- E come?
- Potrebbe piovere!

http://www.anobii.com/vanlilith/books

Offline hubertphava

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 1.624
  • Sesso: Maschio
    • MyImages
Re: Glossario per i futuri acquirenti
« Risposta #8 il: 30/03/10 20:04 »
PIRATERIA:
La "Pirateria" e' un termine multiforme che assume significati diversi a
seconda del contesto ma che mai perde le sue connotazioni negative. E
questo e' un male (Cfr: PDF=Male!).
Nel contesto libresco-elettronico la Pirateria identifica una pratica di
appropriazione truffaldina di ebook, appropriazione che di fatto si attua
sul Quasi-Nulla  in quanto gli Editori italiani non pubblicano ne' vendono
ebooks manco ammazzati per paura di apparire troppo in anticipo sui tempi.
Da cio' deriva che la Pirateria in ambito e-editoriale di fatto non esiste,
non esistendo, o quasi,  materiale da piratare.

Come per il correlato discorso di Pirateria Musicale ( o Cinematografica),
si tratta in realta' di manifestazioni di "tunnel vision" (TM - Tom Robbins)
che colgono in genere manager di aziende con  idee ristrette, cervelli
ancorati al Cretaceo ( "Che bello quando eravamo stegosauri" e' una
delle frasi preferite da  'sti ceffi) e soprattuto sopraffatti da
irrefrenabile restringimento delbucodelQ' quando si trovano:

a) in prossimita' di un mulo;
b) in prossimita' di un lettore musicale mp3 non al guinzaglio.

HP

Offline joepsichip

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 2.776
  • Sesso: Maschio
  • Bookeen Cybook Opus [White] • iRex DR800SG
    • E-mail
DPI (glossario)
« Risposta #9 il: 31/03/10 08:18 »
DPI. Dots per inch - [Punti per pollice]. (un pollice equivale a 2,54 cm) Valore che rappresenta il numero di informazioni grafiche (nello schema in basso vengono chiamati pixel) visualizzate in un segmento lungo un pollice.
Chiaramente più questo parametro è elevato migliore sarà la resa grafica dello schermo, tenendo nel dovuto conto però anche gli altri parametri che concorrono a quel risultato.
« Ultima modifica: 31/03/10 09:08 da joepsichip »
“Un vincitore è un sognatore che non hai mai smesso di sognare”. Vittorio Arrigoni, un vincitore.

Amico di Juda

Palestina 194° stato.

Offline Vanlilith

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 1.567
  • Sesso: Femmina
  • Amica di Juda
    • Geolocalizzazione
Formati cartacei - ISO A (glossario)
« Risposta #10 il: 01/04/10 15:26 »
Formati cartacei - ISO A
Quando parliamo dei formati cartacei di solito ci si riferisce al sistema di standardizzazione ISO A, il formato base è un foglio di carta di 1 m² (A0). I formati successivi (A1, A2, A3 e così via) si ottengono semplicemente tagliando a metà la carta sul lato più lungo; il formato più usato e conosciuto è l'A4 (21,0 × 29,7 cm).



X chi volesse approfondire:
http://it.wikipedia.org/wiki/ISO_216
« Ultima modifica: 11/10/10 18:29 da Vanlilith »
- Che lavoro schifoso!
- Potrebbe esser peggio.
- E come?
- Potrebbe piovere!

http://www.anobii.com/vanlilith/books

Offline Vanlilith

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 1.567
  • Sesso: Femmina
  • Amica di Juda
    • Geolocalizzazione
Formati cartacei - Libri (glossario)
« Risposta #11 il: 01/04/10 16:02 »
Formati cartacei - Libri
I libri a stampa sono ottenuti a partire da un foglio di carta  di dimensioni più o meno standard su cui vengono stampate diverse pagine. Il foglio stampato viene poi opportunamente piegato per ottenere una segnatura, costituita da un fascicolo di pagine progressive.

Sulla base del numero pagine stampate sul foglio e, quindi, del numero di pieghe che il foglio subisce, i formati tradizionali dei libri vengono denominati:

Formato                      pieghe              pagine          altezza (cm)

in plano o atlante             -                     2                   oltre 50
in folio                            1                    4                   oltre 38
in quarto                         2                    8                    28-38
in ottavo                        4                   16                    15-25
in sedicesimo                   8                   32                    10-15

Esistono anche formati intermedi (in decimo, in dodicesimo) o più piccoli (in ventesimo, in trentaduesimo, ecc...) ma sono poco utilizzati.
Il termine "tascabile" rappresenta un concetto commerciale e identifica libri economici stampati in dodicesimo o sedicesimo.
- Che lavoro schifoso!
- Potrebbe esser peggio.
- E come?
- Potrebbe piovere!

http://www.anobii.com/vanlilith/books

Offline Vanlilith

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 1.567
  • Sesso: Femmina
  • Amica di Juda
    • Geolocalizzazione
Formati cartacei - Giornali (glossario)
« Risposta #12 il: 01/04/10 16:22 »
Formati cartacei - Giornali
I giornali (intesi come quotidiani) hanno 4 set di formati:

1. Berlinese: 47,0 cm  × 31,5 cm
Es. La Repubblica, La Stampa, Il manifesto, L'Osservatore Romano, The Guardian (UK), Le Monde (FR)

2. Broadsheet: 74,9 cm × 59,7 cm
Es. Il Sole 24 Ore, Corriere della Sera, Il Giornale, The Financial Times (UK), L'Équipe (FR), Die Zeit (DE), USA Today (US), The Wall Street Journal (US)

3. Compact: 43,1 cm × 27,9 cm (impaginato tradizionale)
Es. Il Fatto Quotidiano, Indipendent (UK)

4. Tabloid: 43,1 cm × 27,9 cm (impaginato moderno)
Es. Gazzetta dello Sport, The Times (UK), Bild-Zeitung (DE)

« Ultima modifica: 01/04/10 19:53 da Vanlilith »
- Che lavoro schifoso!
- Potrebbe esser peggio.
- E come?
- Potrebbe piovere!

http://www.anobii.com/vanlilith/books

Offline Vanlilith

  • Tipografo
  • ****
  • Post: 1.567
  • Sesso: Femmina
  • Amica di Juda
    • Geolocalizzazione
Dimensioni Schermi / Display (glossario)
« Risposta #13 il: 01/04/10 19:52 »
Dimensioni Schermi / Display
Le dimensioni di uno schermo vengono di solito individuate dalla sua diagonale espressa in pollici (1" = 2,54 cm). I più diffusi al momento sono:

 Diagonale                             LxH                  Esempio

   5,0"  (12,70 cm)   >     7,6 x 10,1 cm       Cybook Opus
   6,0"  (15,24 cm)   >   10,0 x 12,0 cm       Cybook Gen3
   7,1"  (18,03 cm)   >           x       cm       PRS900
   8,1"  (20,57 cm)   >   12,4 x 15,2 cm       iLiad
   9,0"  (22,86 cm)   >           x       cm       DR900
   9,7"  (24,64 cm)   >   13,7 x 20,1 cm       Kindle DX
 10,2"  (25,90 cm)   >   16,1 x 20,2 cm       DR1000



In caso di dubbio ricordatevi che una banconota da 10 € = 12,7 × 6,7 cm e date un'occhiata alle foto postate QUI.
« Ultima modifica: 21/04/10 20:54 da Vanlilith »
- Che lavoro schifoso!
- Potrebbe esser peggio.
- E come?
- Potrebbe piovere!

http://www.anobii.com/vanlilith/books

Offline konigi

  • Digitalizzatore
  • *****
  • Post: 3.000
  • Sesso: Maschio
Custodia (glossario)
« Risposta #14 il: 02/04/10 11:37 »
Custodia. Cover in inglese, è il tipo di protezione che nessuno neo-possessore di ebook-reader dovrebbe esimersi dal possedere. Ne esistono di diversi tipi, originali e non, vendute con il device o acquistabili separatamente, fatte in serie oppure dalle mani di un artista, ma tutte devono possedere la stessa caratteristica: proteggere lo schermo e-ink, la parte più fragile di tutto il device. La custodia deve essere fatta in maniera tale da evitare due tipi di eventi: il trauma diretto sullo schermo e la torsione. Le custodie morbide tipo pochette, servono solo a preservare lo schermo dai graffi (evento molto remoto) ma non offrono alcuna protezione contro i traumi di cui sopra. Il trauma diretto può essere causato da un mazzo di chiavi o da un telefono cellulare, soprattutto se tenuto in borsa, mentre la torsione è spesso causata dal mettere il device insieme a riviste dentro ad uno zaino o dall'appoggiarci sopra oggetti pesanti quando è sul sedile di una macchina.

Aggiornato al 02/04/2010